Verso Timpaviva 2011: Acireale si accende d’arte e colore!

                                                              di Grazia Musumeci


Per il terzo anno consecutivo, dal 7 al 10 luglio 2011, la città di Acireale ospiterà la manifestazione “TimpaViva” indetta dall’associazione culturale Barock (http://www.facebook.com/associazioneculturale).
La particolarità dell’evento è data dal fatto che si svolge sul percorso storico-naturalistico delle Chiazzette, un’antica strada lastricata (risalente alla dominazione Spagnola) che collega il centro di Acireale col suo splendido mare, tagliando a zig-zag la collina lavica detta appunto “La Timpa”.
La Timpa di Acireale, oltre ad offrire un panorama mozzafiato sulla costa ionica, è anche una riserva naturale protetta, ricca di vegetazione selvatica e tipicamente mediterranea e di una fauna particolare (come il Falcone dell’Etna). Lungo questi sentieri carichi del profumo di limone, gli artisti di TimpaViva monteranno i loro stand espositivi, i loro palcoscenici, i loro spettacoli e offriranno a residenti e turisti serate magiche e indimenticabili.
Ad aprire la manifestazione saranno i gruppi musicali: Ermetichelune, Ghylam, Artificial Tears, Ipercussonici. Seguiranno visite guidate sulla Timpa, laboratori artistici, esposizioni di pittura, fotografia, scultura, lavorazioni di cartapesta e teatro (Teatroimpulso di Catania, Le Marionette di Ezio Scandurra) e tanto altro ancora. Per scoprire i dettagli dell’ampio programma della manifestazione 2011, visitate il sito http://timpaviva.blogspot.comhttp oppure cercate Timpaviva su Facebook. 
La manifestazione di TimpaViva, oltre a regalare alla città di Acireale quattro giorni di divertimento, arte e colore, mira a valorizzare il sentiero delle Chiazzette, troppo spesso in passato abbandonato a vandali e incuria. Oggi, grazie alla fantasia di questi ragazzi e all’associazione Barock che li gestisce e li organizza, la località è tornata all’antico fascino ed è pronta ad accogliere i visitatori da ogni parte di Sicilia e del mondo.






Commenti