Verso Timpaviva 2011: gli "ARTIFICIALS TEARS"

                                                         di Sisco Montalto
   

"The Artificial Tears" è un progetto solista nato nel 2007. La produzione musicale non segue un genere preciso, ma  spazia dalla elettronica, alla lounge, dalla world, all'elettracoustic all'ambient, dalla downtempo al trip-hop. A breve uscirà  il primo album "Fringes" in distribuzione digitale e a seguire verrà ripresentato "Chrome" rimasterizzato, dopo il lancio su bandcamp di circa un anno fa. 

-Mi parli dell'album che uscirà a breve?
"Allora, l'album che uscirà a breve si chiama Fringes (ti allego la copertina) ed è un album di sonorità nettamente più elettroniche. E' un sound più "primitivo" stilisticamente e quindi mi sembrava logico metterlo avanti come primo lavoro. Un paio di pezzi di Fringes li suoneremo anche a Timpaviva."

-Perchè la decisione di rimasterizzare "Chrome"?
"La decisione di rimasterizzare Chrome viene dalla non totale soddisfazione della prima versione pubblicata. Ritengo che ci siano diverse cose che andrebbero migliorate."

-Le vostre influenze?
"Le influenze sono molteplici: Peter Gabriel, Radiohead, Sigur Ros, Massive Attack, Talk Talk, Brian Eno e Craig Armstrong sono sicuramente le più influenti."

-Come siete arrivati a Timpaviva e cosa pensate di manifestazioni di questo genere che danno spazio all'arte emergente?
"Siamo arrivati a timpaviva principalmente per il rapporto con Gaetano Leotta, anni fa abbiamo iniziato assieme ad organizzare eventi di questo tipo ad Acireale e dintorni. Sulla mia idea riguardo questo tipo di iniziativa posso solo dire che ne sono entusiasta. Queste occasioni sono momenti unici sia per i giovani artisti che riescono ad esprimersi così in un ambiente del tutto nuovo e in una cornice straordinaria, sia per il pubblico che può approcciarsi ai luoghi del nostro territorio in modo nuovo, scoprendo la grande forza creativa che i giovani hanno e che vogliono mostrare."





Commenti