Management del dolore post-operatorio e Dellera in concerto


Generazione XL
Auditorium Parco della Musica
Teatro Studio

20 maggio - Management del dolore post-operatorio – special guest Andrea Appino
21 maggio -  Dellera – special guest Dente
Ore 21:00
Biglietti posto unico 15



MArteLabel presenta i Management del dolore post-operatorio e Dellera ospiti di due appuntamenti speciali della rassegna Generazione XL, promossa dalla Fondazione Musica per Roma con la collaborazione della testata XL di Repubblica, che si terrà dal 18 al 22 maggio presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il laboratorio permanente dedicato alle nuove leve del rock e della canzone d’autore nazionale, giunge quest’anno alla settima edizione e si avvale della consulenza artistica di Paolo Cobianchi.
Il Management del dolore post-operatorio e Dellera si esibiranno rispettivamente il 20 e il 21 maggio. Al loro fianco ci saranno sue padrini d’eccezione: Andrea Appino degli Zen Circus per i MaDe Dopo e Dente per Dellera.

  
MARTELABEL
L’etichetta MArteLabel nasce nel 2008 su iniziativa di Giuseppe Casa, direttore artistico del Festival MArteLive e del festival ha mantenuto impresso nel suo DNA la naturale predisposizione alla ricerca dell’innovazione dei linguaggi e degli stili artistici e musicali.

Ogni band di MArteLabel viene scelta per il suo forte impatto live e per la sua capacità di cambiare il linguaggio musicale attraverso l’ibridazione delle arti sia nello show vero e proprio che nella realizzazione del prodotto discografico e di tutti prodotti correlati.

Il percorso della giovane etichetta romana è sicuramente inedito nel panorama musicale nazionale e i recenti risultati ottenuti da una band come i Nobraino probabilmente sono un segno chiaro che si è sulla strada giusta per affrontare con originalità questo momento di crisi internazionale.

TESTIMONIANZE
Andrea Appino “Zen Circus”: "La prima volta che ho sentito nominare i Management fu dalla bocca di Davide (Toffolo) dei Tre allegri ragazzi morti, che era venuto un paio di giorni da me a Livorno. Ne era entusiasta e siccome lui è contagioso li ascoltai subito.

Poi ho scoperto che li aveva prodotti Fusaroli, l'uomo dietro ai nostri Villa Inferno e Andate tutti affanculo: una garanzia e un grande amico. Sono immediati, acerbi, acuti e incazzati il giusto: tutte cose di cui mi nutro, ho bisogno di gruppi così per poter vampirizzare la vitalità. Scherzi a parte, come si fa a non ripetere all'infinito: Signor Poliziotto / mi dispiace rovinarle la festa / le bombe non ce l'ho nella valigia / ce l'ho nella testa?!"

Dente (ha collaborato con Dellera molte volte, a partire dal 2007 per il mini album Le cose che contano): “Quando ho conosciuto Roberto Dell’Era, non lo conoscevo. Arrivava sempre alla fine dei miei concerti milanesi e poi si faceva sempre l’alba insieme, senza sapere molto l’uno dell’altro. 

Poi mi ha raccontato la sua storia e mi ha incantato con il suo talento. Amiamo la musica nello stesso modo, ne siamo affascinati prima di tutto e la sua scoperta ha cambiato la vita a entrambi. La sua attitudine anglosassone gli permette di mettere in pratica il verbo “to play”: quando suona lo fa con la naturalezza di un bambino che gioca. Sembra nato per farlo”.

GENERAZIONE XL
L’obiettivo della rassegna Generazione XL è quello di valorizzare la creatività giovanile, straordinaria forza di rinnovamento sociale e culturale, offrendo un importante trampolino di lancio. Grazie a Generazione X, molti “ragazzi” nel corso delle precedenti edizioni hanno preso il volo. Tra gli altri: Giovanni Allevi, Alessandro Mannarino, Bud Spencer Blues Explosion, Nathalie, Nobraino, The Niro.


Management del dolore post-operatorio
Quattro ragazzi si ritrovano fracassati dopo un incidente d’auto.Gli toccherà, loro malgrado, fare i conti con il dolore post-operatorio, chi per una gamba rotta, chi per un ginocchio frantumato e chi per una milza asportata.Sviluppano quindi nei corridoi dell'ospedale di Lanciano (Chieti) la loro filosofia, di una semplicità affascinante: l'unica alternativa al dolore è il piacere, in ogni sua forma più personale e astratta; e si promettono di lottare strenuamente, contro tutti coloro che per il proprio tornaconto e per opportunismo puro, hanno reso questa nostra vita un insopportabile (bisogna ammetterlo) tormento.

La loro rabbia e la loro ironia verbale e sonora l’inseriscono di diritto tra i migliori gruppi indipendenti!) del momento. Entrano ai primi dieci posti della “Top 50 brand new 2010” del MeiWeb, classifica dedicata alla musica emergente, con il singolo “Nei Palazzi”, ricevono il premio al MEI per l'innovazione tecnologica nella promozione musicale. Come un esercito affamato vincono TUTTI i concorsi ai quali partecipano (tra cui Italia Wave, Primo Maggio Tutto l’Anno, Il Rock è Tratto ecc.) dei quali l'ultimo e più importante li vede scelti dalla giuria del festival UPLOAD  di Bolzano, alla cui direzione c'è il Sig. (toglietevi il cappello) Cristiano Godano dei Marlene Kuntz, come rappresentanti dell'Italia al POPKOMM di Berlino.

Vincono il “Premio produzione al MArteLive 2010”, entrano quindi nel roster dell'etichetta MArteLabel e con questa registrano il loro album d'esordio ufficiale “AUFF!” con la produzione artistica di Manuele "Max Stirner" Fusaroli (Zen Circus, Luci della centrale elettrica, Nada, Tre Allegri Ragazzi Morti, Teatro degli Orrori e chi più ne ha più ne metta).

Luca Romagnoli (voce), Marco Di Nardo (chitarra), Andrea Paone (basso) e Nicola Ceroli (batteria) si definiscono Poeti Provinciali. La loro strategia, pensata all'ombra delle montagne Abruzzesi, si propone - tra un'osteria e un palcoscenico - di martellare il cervello di tutti gli abitanti dello stivale, mettendo in scena (specialmente in sede live) un vero e proprio teatro vivido e spietato, in cui è la vita stessa a farla da protagonista, con tutte le sue contraddizioni e situazioni grottesche.Sono NON violenti (ma a vederli sul palco non si direbbe) e innamorati della vita; quindi non sopportano le gabbie, le manette e i confini.

DELLERA, cosi' preferisce farsi chiamare, e' conosciuto come autore e bassista degli Afterhours e come protagonista di numerose collaborazioni, lavorando con artisti quali DenteIl Genio e Calibro 35 con i quali, dopo il successo del brano "L'appuntamento",  ha registrato "Lato Beat Vol 1".
Il singolo estratto dall’album, "Il Beat Cos'è", è stato 5 settimane alla N° 1 della Indie Music Like e 5 mesi nella top five diventando il terzo singolo del 2010 per la Indie Music Like.
Inglese d’adozione, vive e respira la scena musicale internazionale degli anni ‘90 attraverso progetti e collaborazioni tra Londra e Birmingham, dove vivrà per dieci anni. Nel gennaio del 2006, Manuel Agnelli ascolta un suo demo ad una festa e lo invita ad un’audizione e, subito dopo, ad unirsi al gruppo per dare un sound più internazionale alla band; in qualità di nuovo bassista degli Afterhours partecipa a due tour europei e negli USA, mentre nel 2009 arriva un altro importante riconoscimento: il premio della critica “Mia Martini” per il brano “Il paese è reale” alla 59esima edizione del Festival di Sanremo.
Nel 2010 inizia una carriera solista parallela che porta alla nascita del suo primo album: “Colonna Sonora Originale”. Il disco è stato registrato in Inghilterra ed in parte in Italia alla "vecchia maniera": studi analogici, nastri, riprese in diretta, musicisti di altissimo profilo che hanno partecipato al processo creativo. In tal senso Dellera è il produttore artistico di se stesso in quanto tutte le elaborazioni sonore, esperimenti e mix sono stati costruiti da lui insieme a Tommaso Colliva (Calibro 35, Muse).
Il video del primo singolo estratto dall'album, "Il Motivo di Sima", è stato presentato in anteprima sul sito di XL di Repubblica dove è stato creato uno speciale rimasto in home page per due settimane, raggiungendo in pochi giorni migliaia di visite. 

Commenti