Marcello Allulli Trio al Festival Poiesis



Il trio guidato dal sassofonista romano terrà tre live nelle giornate del Festival Poiesis di Fabrianodal 25 al 27 maggio, all’interno di un programma all’insegna del grande jazz italiano, insieme alle punte di diamante Fabrizio Bosso e Danilo Rea.  
  
Tre date consecutive per il MAT - Marcello Allulli Trio al Festival Poiesis di Fabriano. La formazione, che per l’occasione ospiterà il pianista Giovanni Ceccarelli, si esibirà venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 maggio all’interno di un programma musicale all’insegna del grande jazz, tra cui i live di Fabrizio Bosso e Danilo Rea.
 Il MAT, guidato dal sassofonista romano Marcello Allulli, si sta affermando come una delle realtà musicali di riferimento del jazz italiano. Votato alJAZZIT AWARD 2011 tra le migliori formazioni, cavalca una grande onda di consensi di pubblico e di critica con il suo album “Hermanos” edito dall’etichetta Zone di Musica e nominato dalla redazione di JAZZIT tra i migliori album nazionali e internazionali del 2011.
Il leader del trio, Marcello Allulli, si conferma sempre di più come uno dei musicisti di spicco nel panorama jazz nostrano. Fondatore e membro di diverse formazioni di rilievo, è stato appena votato dal pubblico italiano del JAZZIT AWARD come terzo miglior sassofonista d’Italia. Attualmente impegnato in progetti con vari artisti, tra cui Fabrizio Bosso, Antonio Jasevoli, Michele Rabbia, Maria Pia De Vito, Ettore Fioravanti e Israel Varela, Allulli ha collaborato, tra gli altri, con Michel Godard, Antonello Salis, Kernny Wheeler, Tony Scott, Dave Binney.
La lunga carriera di concerti nazionali e internazionali, vede tra le principali location italiane in cui si è esibito: l’Umbria Jazz Festival, a Roma l’Auditorium Parco della Musica, la stagione concertistica dell’Università La Sapienza, Jazz Image a Villa Celimontana e il Teatro Ambra Jovinelli, dove ha aperto con il suo M.A.T. la performance Racconti di Ascanio Celestini.
Da sempre proteso anche vero il settore cinematografico e teatrale, Marcello Allulli collabora nel 2002 con il pittore/scultore Gianfranco Baruchelloper la realizzazione del Video “Colpi a vuoto”. Realizza nel 2003 le musiche per lo spettacolo teatrale “Canto per Shatila”, scritto ed interpretrato daLuigi Mezzanotte al Teatro dell’Orologio nel 2003; è autore delle musiche del film “Ultimo Stadio”, diretto da Ivano De Matteo nel 2002 e, nel 2012, il regista Francesco Calandra sceglie brani dell’album “Hermanos” come colonna sonora del film “La palestra”.
Ultimamente, i grandi successi di pubblico ai concerti con il M.A.T. hanno portato alla realizzazione di performance multimediali in collaborazione con i due visual artist Gabriel Zagni e Cristian Paraskevas, tra cui quelle progettate a Roma per il Teatro Ambra Jovinelli e per la Centrale Montemartini.

LINK

Commenti