ALVA NOTO + RYUICHI SAKAMOTO - S Tour 2012


MARTEDÌ 25 SETTEMBRE - ORE 21.30PARMA - AUDITORIUM PAGANINI
Alva Noto | live electronics + visualsRyuichi Sakamoto | piano



Il minimalismo pianistico del compositore Premio Oscar Ryuichi Sakamoto e l'algida elettronica del raffinato sound artist Alva Noto si incontreranno all’Auditorium Paganini di Parma, martedì 25 settembre, per una delle date del "S" tour che dallo scorso anno sta portando i due artisti in ogni parte del mondo.

Dopo le numerose e fortunate collaborazioni discografiche, i due artisti si ritrovano sul palco, a coronamento di un sodalizio artistico che festeggia quest’anno il decennale, per dare vita a una nuova sinergia fra piano, glitch e installazioni video. La collaborazione tra i due ha inizio nel 2002, anno in cui viene alla luce il primo album "vrioon", classificato dalla rivista "The Wire" tra i dischi migliori dell'anno. Dopo il secondo album "insen" (2005), il duo inizia una serie di concerti in teatro, che punta esplicitamente all’accostamento fra musica e installazioni visive

Sul palco non vi è solo il pianoforte di Sakamoto ma anche la consolle di Alva Noto, sui cui stanno due laptop e strumentazioni elettroniche, mentre sullo sfondo si animano immagini che (s)corrono sulle note del piano. L'essenzialità è colta visivamente all'ascolto di questa musica, così inafferrabile e precisa, ma allo stesso tempo viva e non esclusivamente metafisica. I paesaggi descritti dalla collaborazione fra Ryuichi Sakamoto e Alva Noto riescono ad interpretare le dualità del nostro tempo, i contrasti che creano un mondo. 

Dall’essenzialità giapponese alla ricerca visionaria tedesca, la fragilità del passato viene contrapposta alla durezza del nuovo mondo, creando nel nostro tempo un momento travolgente nel preciso istante d'incontro. Un viaggio nella possibilità paranormale che ci lega contemporaneamente a questo mondo e all'altro, per vederne un altro ancora.

Ryuichi Sakamoto e Alva Noto (www.raster-noton.net/anrs) assieme hanno creato un progetto esecutivo rigoroso e sperimentale che si affaccia sulle nuove frontiere del suono: le trame musicali e visuali tessute da Alva Noto, punteggiate dalle intuizioni di Ryuichi Sakamoto in un affascinante incontro tra pianoforte acustico e musica elettronica.

Ryuichi Sakamoto (www.sitesakamoto.com) è fra i maggiori protagonisti della musica contemporanea, un instancabile genio che ha contribuito allo sviluppo della ricerca compositiva dei nostri tempi. Ha collaborato con David Bowie, David Byrne, David Sylvian, Iggy Pop, Caetano Veloso e con lo scrittore William Borroughs. Nel 1987 realizza la colonna sonora de "L'ultimo imperatore" di Bernando Bertolucci, che gli vale un Oscar, un Grammy e un Golden Globe per la Miglior Colonna Sonora Originale. Da quel momento, lavora altre due volte con Bertolucci ("Il tè nel deserto" e "Piccolo Buddha"), con Oliver Stone,Pedro Almodovar, Brian De Palma e Alejandro González Iñárritu.

Alva Noto (www.alvanoto.com), pseudonimo di Carsten Nicolai, è il paradigma del musicista moderno. Considerato uno dei maggiori esponenti della scena elettronica, è apprezzato non solo come musicista, ma anche come artista visuale. La sua musica e le sue immagini sono arrivate nei centri d’arte contemporanea più importanti al mondo: Guggenheim e MoMA di New York, NTT di Tokyo, Tate Modern Gallery di Londra, Centre Pompidou di Parigi e La Biennale di Venezia. Oltre che con Sakamoto, ha collaborato con Björk, Michael Nyman, Blixa Bargeld, Ryoji Ikeda, Richie Hawtin, Pan Sonic e Scanner.



Commenti