LEON: COME SE FOSSI DIO è il suo album d’esordio



Atteso debutto del cantautore valdostano che da alla luce un disco dalle sonorità taglienti e dalle atmosfere sferzanti.


Confesso, di fronte a voi accusatori, che in questo progetto svelo tutti i miei peccati, le mie debolezze, le mie nefandezze. Come il più perverso degli esibizionisti mostro tutto di me: il mio corpo, le  mie emozioni, la mia anima ribelle.  

Confesso, di fronte a voi e di fronte al mondo intero, di aver giocato a carte scoperte, di aver sempre giocato per perdere.  Sarà forse per questo che, nudo come un verme, mi avete messo in croce e  condannato?
Lo so, lo so: avere il coraggio di mostrare sé stessi è per voi il più grave dei crimini.

Ma un artista non può che mettersi a nudo, se vuole essere tale!

Non posso credere sia  soltanto per questo che mi avete condannato!

Cosa dite, laggiù in fondo alla sala? Voglio essere Dio? Ebbene signori...confesso anche questo. L'ho pensato, più volte.
Ogni volta che prendo in mano la chitarra, ogni volta che canto e riesco ed esprimere ciò che sento io...io mi sento come lui. Ma sono stato fortunato. Perché Dio è morto. Leon resiste ancora.


Leon è cresciuto fra la solitudine delle montagne valdostane, nell'estremo angolo nord ovest d'Italia, in una gabbia fatta di montagne, brina e spleen annegato nell'alcool.

Ma non si è mai dato per vinto, non ha mai deposto le armi della creatività, della provocazione, del sarcasmo. Si vis pacem para bellum: guerra alla mediocrità, al politicamente corretto, al conformismo del gregge.

Così Leon si agita come un pazzo nella gabbia per oltre XV anni attività musicale: milita in più di XV gruppi nei quali scrive oltre L canzoni, collabora con decine di artisti valdostani [1]  e nazionali [2] , suona in decine di locali tra Valle d'Aosta, Piemonte e Lombardia e calca numerosi festival del nord ovest italiano [3].
Dal MMIX viene affiancato da un  profeta dell'Apocalisse musicale, Pietro Foresti, produttore che si è fatto le ossa a Los Angeles [4] e che produrrà il suo primo album solista, dal titolo provocatorio e controverso:  “Come se fossi dio”.


[1]              Tra i tanti Davide Mancini, Los Bastardos, Elettrocirco, Noir Ensemble Trio, El Negro.
[2]              Tra cui Alessandro Ranzani dei Movida, Valeria Rossi, Dario Pirovano dei Dari.
[3]              Tra cui due apparizioni sul prestigioso palco principale di Tavagnasco Rock, nel MMVIII e nel MMXII,
[4]              Tra i suoi credits Tracii Guns – Guns n' Roses e L.A.Guns




Commenti